Unione Nazionale Consumatori

*******Delegazione di Molfetta Viale Pio XI 48/13 Molfetta (BA)***** ********Delegazione di Bisceglie Via Aldo Moro 79 Bisceglie (BT)****** tel/fax.0803968176 cell.3335947807

Scrivici

Buoni fruttiferi postali: vittoria per i consumatori!

BUONI FRUTTIFERI ORDINARI, VITTORIA PER L’UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI DI MOLFETTA CONTRO “POSTE ITALIANE” SUL CORRETTO CALCOLO DEGLI INTERESSI

buoni fruttiferi

E’ stato accolto nei giorni scorsi, dall’Arbitro Bancario e Finanziario – Collegio di Bari, il ricorso promosso dall’Unione Nazionale Consumatori di Molfetta nell’interesse di una sua associata, finalizzato a contestare il conteggio degli interessi operato da Poste Italiane alla scadenza di un Buono Fruttifero Ordinario acquistato nel dicembre del 1988.

“La questione – spiega l’Avv. Antonio Calvani, referente della Delegazione molfettese dell’UNC – riguarda l’applicazione degli interessi relativi ai Buoni Fruttiferi della serie Q, acquistati da migliaia di risparmiatori, in tutta Italia, tra la fine degli anni ‘80 e la prima metà degli anni ’90. A seguito di un Decreto Ministeriale del 1986, infatti, con il quale venivano rideterminati al ribasso i tassi di interesse per questi strumenti di risparmio, le Poste apposero sul retro dei titoli già stampati, che riportavano una tabella contenente rendimenti significativamente più alti, un timbro con i nuovi tassi, molto più bassi.

Il problema, però, è sorto perché il timbro riportato sul retro del titolo conteneva i nuovi tassi di interesse riguardanti solo i primi 20 anni, nulla disponendo con riferimento al periodo dal 21° al 30° anno. Per questo terzo decennio, quindi, contrariamente a quanto sostenuto dalle Poste, l’Arbitro Bancario e Finanziario, accogliendo la tesi sostenuta nel nostro ricorso, ha stabilito che devono essere riconosciuti alla risparmiatrice da noi assistita i tassi di interesse, ben più redditizi, stampati sul titolo e non quelli, più bassi, previsti dal Decreto Ministeriale del 1986. Si tratta di una pronuncia molto importante perché il Collegio dell’ABF ha riconosciuto la prevalenza di quanto scritto sul titolo acquistato rispetto a quanto previsto dal D.M., tutelando in questo modo il legittimo affidamento della risparmiatrice sui rendimenti attesi”.

“Questa – ha precisato l’Avv. Calvani – è una vicenda che può interessare, in tutta Italia, migliaia di risparmiatori dal momento che i Buoni Fruttiferi Ordinari hanno rappresentato per moltissimi anni, e soprattutto nel Sud Italia, uno strumento di risparmio largamente diffuso e in grado di garantire rendimenti oggi assolutamente inimmaginabili. Per diverso tempo, però, Poste Italiane ha adottato, nelle sue filiali sparse in tutta Italia, questa procedura e cioè quella di apporre un timbro con nuovi tassi di interesse (più bassi) su titoli già stampati che riportavano rendimenti più alti, e ora che i buoni fruttiferi ordinari di durata trentennale, venduti tra la fine degli anni ’80 e gli inizi degli anni ’90, arrivano a scadenza, gli interessi che vengono riconosciuti ai risparmiatori possono essere significativamente più bassi di quelli effettivamente dovuti.

Il nostro consiglio, pertanto, è quello di verificare con molta attenzione gli interessi liquidati o che Poste Italiane intende liquidare (in particolare per i titoli delle serie Q, P/Q o P/O) e di controllare concretamente quali siano i rendimenti applicati perché può esserci il rischio di subire un ingiusto pregiudizio. Anche chi ha già incassato i titoli negli anni scorsi può ottenere la differenza eventualmente spettante, se non è già intervenuta la prescrizione. Il nostro sportello, a Molfetta, è a disposizione per valutare, concretamente, ogni singolo caso”.

Vedi anche

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi