Unione Nazionale Consumatori

*******Delegazione di Molfetta Viale Pio XI 48/13 Molfetta (BA)***** ********Delegazione di Bisceglie Via Aldo Moro 79 Bisceglie (BT)****** tel/fax.0803968176 cell.3335947807

Scrivici

Fondo indennizzo risparmiatori, basta ritardi e rinvii

fondo indennizzo risparmiatori
fondo indennizzo risparmiatori

Era previsto per venerdì 26 luglio l’avvio della piattaforma informatica necessaria ad inoltrare le istanze per accedere al Fondo Indennizzo Risparmiatori, l’apposito fondo istituito con la legge di stabilità per il 2019 e finalizzato a risarcire i consumatori rimasti vittime dei crack bancari degli scorsi anni con indennizzi pari al 30% dell’investimento andato in fumo, per gli azionisti, e del 95% per gli obbligazionisti.

Eppure, ad oggi, nulla si è mosso. Anzi – riferisce l’Avv. Antonio Calvani dell’Unione Nazionale Consumatori- al momento non è dato sapere quando la procedura on line sarà operativa visto che il decreto attuativo del Ministero dell’Economia e delle Finanze non è stato ancora pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

Continuano, quindi, ritardi e rinvii che non fanno altro se non esasperare ulteriormente migliaia di risparmiatori “azzerati” in tutta Italia che speravano di poter accedere almeno a questo parziale ristoro in tempi certi e ragionevoli.

E quel che appare più intollerabile è il solito rimpallo di responsabilità per questi ritardi tra il MEF, il Garante della Privacy, la Corte dei Conti e…chi più ne ha più ne metta!

Ai risparmiatori traditi non interessa questo teatrino di dichiarazioni a mezzo stampa ma solo che venga resa quanto prima operativa la procedura per ottenere quanto spetta loro attingendo dal fondo indennizzi risparmiatori

La notizia di oggi – continua l’Avv. Calvani – è che il Garante della privacy in meno di due giorni ha validato la procedura in ordine ai problemi sollevati per quanto riguarda la protezione dei dati personali.

Adesso non ci sono più scuse perchè il fondo indennizzo risparmiatori parta quanto prima.

Va comunque ricordato che per chi ha acquistato le azioni dalla Banca Apulia, resta tutt’ora in piedi la possibilità di agire nei confronti di Intesa San Paolo, per ottenere il risarcimento dei danni dell’intero valore investito.

L’Unione Nazionale Consumatori di Molfetta continua a fornire assistenza e consulenza a moltissime vittime dei crack bancari e invita quanti fossero interessati a rivolgersi ai suoi sportelli per predisporre la documentazione necessaria per accedere agli indennizzi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi